Tag Archives: libro

Sui casi di Meningite in Toscana

Oggi su Facebook il Dott.Eugenio Seravalle e AsSIS, Associazione di Studi e Informazione sulla Salute, hanno condiviso un’intervista molto significativa al dott.Serravalle stesso, sui casi di Meningite in Toscana. Invito tutti a guardarla e riguardarla ascoltandola attentamente.

Non so se abbiate mai avuto modo di leggere quello che scrive il Dott.Serravalle (il libro più celebre credo sia “Bambini super vaccinati”)  o lo abbiate seguito in una delle conferenze che periodicamente tiene in tema di vaccinazioni. In tal caso avrete notato come non sprechi mai le parole, e sia sempre molto chiaro, preciso, dettagliato nel presentare dati, numeri, cifre, statistiche con l’ausilio di tabelle e grafici. Questo aspetto è obiettivamente e oggettivamente molto importante di fronte al dubbio se decidere di vaccinare o meno i proprio figli.
Voglio scegliere e decidere della mia vita e di quella dei miei figli, di cui ho la responsabilità, con consapevolezza, con la certezza di cosa rischio per ogni decisione che prendo. Soprattutto se si tratta di salute.
Non mi piace fare una cosa perché me lo ha detto qualcuno, chiunque esso sia, semplicemente basandomi sulla fiducia che ho in lui. Continue reading »

Far dormire i bambini

foto-bambina-addormentataFar dormire i bambini è un problema che assilla spesso noi genitori fin dalla nascita dei nostri piccoli. Oserei dire che è la cosa che ci fa più innervosire e perdere la pazienza…

Sfido chiunque a dire di avere un figlio che non gli ha mai dato pensieri per fare la nanna. Ci sono i bambini che non vogliono andare a letto presto, quelli che non vogliono andarci da soli, quelli che vogliono la fiaba, quelli che hanno bisogno della manina, quelli che si addormentano sul divano accanto ai genitori, quelli che si risvegliano più volte a notte con una scusa o un’altra, quelli che dormono solo nel lettone e quelli che ci vanno nel cuore della notte… E noi genitori ci assilliamo e ci disperiamo. E sogniamo un bambino che fin dalle prime settimane di vita dorma tutta la notte di filato. Continue reading »

Nati per Leggere

foto-nati-per-leggereOggi 18 Ottobre, Nati per Leggere, festeggia il suo 15° compleanno!

Nati per Leggere è un progetto che ha l’obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni. Perché un adulto che legge una storia compie un gesto d’amore.

L’atto di leggere ad alta voce ai bambini in età prescolare è infatti, non solo, un’opportunità di relazione tra bambino e genitori, ma permette al bambino di sviluppare meglio e più precocemente la comprensione del linguaggio e la capacità di lettura. Inoltre si consolida nel bambino l’abitudine a leggere che si protrae nelle età successive grazie all’approccio precoce legato alla relazione. Continue reading »

Svezzamento. Io mi svezzo da solo!

foto-mio-figlio-svezza-da-soloMi rendo conto che l’articolo Svezzamento o alimentazione complementare è lungo e non di facile lettura, però mi sembrava necessario parlare di un argomento così delicato e allo stesso tempo importante e cruciale nella vita di ogni bambino con la dovuta documentazione scientifica.

Soprattutto perché passi un messaggio importante che traspare nei testi fondati su studi scientifici che ho citato in merito allo svezzamento: la mamma col suo istinto materno ha il ruolo dominante e fondamentale nell’interpretare i bisogni e dei tempi “alimentari” del proprio bambino. La mamma e solo lei è in grado di leggere negli occhi e nella pancia del suo bambino, quando ha fame e di cosa ha bisogno. Quello che traspare tra le migliaia di righe di tutti i documenti che ho analizzato nell’articolo Svezzamento o alimentazione complementare è che i protagonisti veri di questo momento cruciale sono solo mamma e bambino. Il resto, sono solo linee guida orientative. É un pò come un ritorno a come si faceva una volta, a come si è fatto per millenni.  Continue reading »

Fondamentali esercizi in gravidanza

foto-esercizi-in-gravidanzaQuando sono rimasta incinta di Zoe, come tante future mamme, avevo un sacco di buoni propositi sportivi, pancione permettendo. Oltre che, naturalmente, di ingrassare meno possibile.

Alla fine del secondo mese mi sono resa conto che non sarei mai riuscita né a fare sport né a prendere così pochi kg. Mancanza di tempo, le nausee, la pesantezza e l’affaticamento generale, pigrizia e stanchezza hanno sempre avuto la maggiore. Continue reading »