Fattoria della Pace Ippoasi

visita-ippoasiLo scorso fine settimana abbiamo partecipato a una visita guidata della Fattoria della Pace Ippoasi a San Piero a Grado. Ippoasi si trova in un’area di tre ettari gestita dal Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli.

L’idea mi era venuta leggendo l’articolo Rifugi per animali, il modo più autentico per conoscere il mondo animale su eticamente.net.

I rifugi per animali sono luoghi gestiti da volontari dove gli animali, che hanno alle spalle storie molto tristi, vengono ospitati per un tempo indefinito, dopo essere stati messi in salvo da una morte certa. Sul sito della Fattoria della pace Ippoasi c’è anche una pagina quasi commuovente in cui tutti gli animali presenti sono raggruppati per specie e ne viene indicato il nome, la foto e l’associazione/persona che li stanno aiutando con le adozioni a distanza. Attualmente ci sono circa 80 animali da fattoria tra anatre, asini, cani, capre, cavalli, galli, galline, maiali, mucche, pecore, pony.

rifugio-per-animali-ippoasi

Qua tutti, finalmente, possono vivere serenamente, secondo natura. Quasi stupisce come questi animali, pur avendo un passato di segregazione, sofferenza, sfruttamento, reclusione, prigionia, siano capaci di donare e ricevere affetto ai loro simili, alle altre specie e all’uomo. Secondo la loro individualità, la loro personalità e rispettando la loro indole. Stupisce, purtroppo. Perchè ormai siamo abituati a un’immagine degli animali come di una specie inferiore, incapace di emozioni, amore, sentimenti, solo utile a qualcosa. Da sfruttare a nostro piacimento dai fini alimentari a fini sportivi a al gioco scommessa..

ippoasi-galline

Se ascoltate anche solo alcune delle storie degli animali ospiti della Fattoria Ippoasi, vi si stringe il cuore e penserete che la natura umana è davvero cattiva per riservare simili trattamenti a tutti gli animali così detti “da reddito” cioè allevati per scopi commerciali. Io non sono nè vegana, nè vegetariana, ma vi giuro che viene da rimettere in discussione ogni pratica alimentare praticata finora.

ippoasi-san-piero-a-grado

La visita alla Fattoria della Pace Ippoasi, naturalmente apparirà ai nostri piccoli bambini solo nel lato migliore. Di un piccolo mondo che non si trova in nessun luogo. A loro rimarrà il fascino di aver avuto un contatto diretto con gli animali, senza le barriere di reti e recinti, di averli osservati con grande interesse e curiosità quasi negli occhi nella loro pacifica quotidianità, di averli nutriti, accarezzati o essersi fatti amorevolmente leccare le mani. Il clima di armonia, serenità, equilibrio ed empatia nel rapporto uomo-animale che domina all’interno del rifugio è esemplare.

ippoasi-lorenzone

fattoria-ippoasi

Christian, la nostra guida, è stato gentilissimo. Ci sa fare davvero coi bambini, si vede che è abituato ad avere a che fare con le scuole e le famiglie. Ha sempre cercato di coinvolgere i bambini con domande ragionate e facendoli riflettere sull’importanza di valori come il rispetto di ogni specie vivente e della loro individualità, sulla non violenza..

ippoasi-mucca

Nel bilancio sociale trovate l’intera storia della Fattoria Ippoasi oltre che le foto di tutti gli ospiti.  Non c’è un tariffario, si lascia un’offerta libera. Le visite il sabato e la domenica. Alle 10 e alle 15. Bisogna prenotarsi chiamando i numeri che trovate nei contatti.

santuario-ippoasi

Altri rifugi in Italia si possono trovare sul sito dei Santuari di Animali Liberi.

fattoria-della-pace-ippoasi

Silvia Giorgi

Silvia Giorgi

Sono Silvia, ho 37 anni e faccio un mestiere che ho scoperto essere molto duro: la mamma a tempo pieno dei miei due strombolini. Con questo blog vorrei condividere idee, pensieri, opinioni, riflessioni e dubbi della mia quotidianità di genitore, insieme a tutte le mamme e i papà che cercano di svolgere, come me e Andrea, il proprio ruolo con consapevolezza. O almeno ci proviamo!
Silvia Giorgi

About Silvia Giorgi

Sono Silvia, ho 37 anni e faccio un mestiere che ho scoperto essere molto duro: la mamma a tempo pieno dei miei due strombolini. Con questo blog vorrei condividere idee, pensieri, opinioni, riflessioni e dubbi della mia quotidianità di genitore, insieme a tutte le mamme e i papà che cercano di svolgere, come me e Andrea, il proprio ruolo con consapevolezza. O almeno ci proviamo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>